.
Annunci online

LauraS


Diario


10 dicembre 2009

5 telefonate tipo con altrettanti uomini tipo

Raccolgo l'invito, dal blog di Sogni, di fare un piccolo excursus dei modi di approcci telefonici tra uomini e donne. Sogni si è occupato della metà del cielo femminile, io giustamente mi sento in dovere di occuparmi di quella maschile. Il titolo del suo post cita "101 modi per farsi accannare da una tipa",  in cui credo che per "accannare" si intenda mollare (ma non ne sono del tutto sicura, giacchè non sono de Roma), mentre io ho preferito ampliare un po' lo sguardo e non parlare solo di metodi di mollaggio, o mollamento, preferendo un piccolo excursus nella testa altrettanto piccola di alcuni uomini con cui mi è capitato di avere a che fare.

(Con questo post il mio blog resuscita, quindi mi concedo un "ma che cazzo di editor hanno messo sul cannocchiale?! quello del 1996?")


1) L'uomo "il lavoro prima di tutto"
"Sì, ciao... no è che sai sono stato molto impegnato con il lavoro... sì guarda, non starmi a dire... no, è inutile che ti racconto, sono stato molto impegnato, le notti, lo sai... no guarda a cena non riesco perchè con il lavoro non so mai a che ora possono chiamarmi, però se mi dici che sabato sei libera magari vedo se riesco a liberarmi. Magari facciamo un pre-cena poi sai, il lavoro... sì ho capito, il cinema, ma non sono sicuro di riuscire. Qui è un casino... no, non puoi venire tu, che vieni a fare? Pause pranzo?? Ma che, scherzi? Non ho tempo di mangiare. Ti chiamo, va bene? Ti faccio sapere per sabato, per il pre-cena, se entro quell'ora non mi senti allora sto lavorando."

2) L'uomo "la verità è che non gli piaci abbastanza"
"Ciao Laura, sì... no non è che mi ero dimenticato, anzi... non ci crederai ma pensavo proprio a te ieri mattina alle 9... sì, chiacchieravo con una mia collega di cose erboristiche, là.... sì quelle... e allora le dicevo sì sai io conosco una che... quindi sì, si può dire che sei nei miei pensieri... sì mi ricordo che dovevamo poi uscire per fare quel giro... sì certo... massì guarda, per il weekend dovrei riuscire a trovare un buco, altro che *** (scusa a caso) ***, sì perchè sai, è sempre un casino quando si tratta di lei... no ma so che capisci, vedi anche tu che è un periodo difficile... però sì, ti ho in mente... ti faccio sapere!"

3) L'uomo "esisto solo io, so fare tutto io"
"Ehi ciao, sì, come stai? Ti chiamavo sai per... ah ti disturbo? Stai lavorando? No è che sai ho solo cinque minuti adesso, dopo devo andare con Asfolfo a portare un kit di sopravvivenza a Milano Due e non so se riesco a liberarmi, lo sai che faccio un lavoro importante... sì beh, qualcuno deve pur farlo... subito dopo devo andare a Bari per un sopralluogo, quelli della sezione del sud non sanno proprio fare niente, cazzo, sempre io ci devo pensare, perchè se devo aspettare loro... sì insomma, ti dicevo, sabato sera dovrei riuscire ad essere libero, ammesso che quelli di Roma est siano riusciti a risolvere il problema prima del weekend, altrimenti prevedo un lungo fine settimana... Sì comunque mi farebbe piacere portarti in quel posto, no, non quello, un altro... insomma, anche tu hai bisogno di essere un po' guidata nella scelta dei posti giusti... ma non ti preoccupare ci penso io, ho tutto sotto controllo. Ti vengo a prendere alle 20.30 sotto casa, mi raccomando rigorosamente abito lungo monocolore, un po' di scollatura non guasta ma non troppo profonda che non andiamo nei locali in cui sei abituata... sì, ci penso io anche al dopocena, non ti preoccupare... mi raccomando puntuale, ciao, a sabato."

4) L'uomo "depresso - e mi guardo bene dal chiederti come stai tu"
Sì, ciao Laura... sei carina a chiamarmi... sì, mi ricordo ti avevo detto che ci saremmo sentiti... ma sai sto passando un brutto periodo. No guarda non me la sento di raccontarti. E' un brutto periodo. Al lavoro un sacco di difficoltà, il capo ha lasciato tutto sulle mie spalle ma neanche mi paga gli straordinari... sì guarda, e per fortuna che io sono uno che non si tira indietro... no, è che sai, è importante, devo cercare di stare bene... no guarda non esco più, tanto faccio sempre tardi al lavoro e non me la sento... no, non li sento più Pinco e Pallino, sto troppo male, li tedierei... Sì con Pallina va malissimo, tanto ormai è finita, sto giù, non ho la forza neanche di mangiare... però almeno alla mattina riesco ancora ad alzarmi, sai, sono uno che non si tira indietro, e poi non si può dire che mi lamento molto... sì, ciao, vado a dormire... sì lo so che sono le 3 del pomeriggio ma sono stanco..."

5) L'uomo "zerbino - tutto quello che dici va bene"
Ciao, ti disturbo?! Sì sai ho trovato un momento libero e ti ho chiamata... Stai lavorando? Scusa scusa... no è che volevo solo chiederti se magari ti va di uscire domani, sai l'altro giorno mi dicevi di quel programma... ah ci saresti andata con una tua amica... sì, non avevo capito... beh certo capisco, al limite se dopo vi trovate da queste parti... o anche no, magari vengo io lì tanto sono in giro... sì certo capisco... e invece per sabato pomeriggio? No? Ah lavori... ti passo a prendere quando stacchi? No ma va bene, capisco, se vuoi ti ci porto io... Sì lo so che è dall'altra parte della città mi si fa per compagnia... ah, dici che poi ci metterai del tempo... beh ma che importa intanto vado a comprare qualcosa da mangiare poi ti riporto a casa... sì mi ricordo che non mangi la carne, certo, un pasto vegetariano... te lo vado a prendere in quel locale là, che conosco... sì lo so che è distante, ma non importa, tanto non ho niente da fare mentre ti aspetto... certo, allora ci penso io. A domani allora! Sì non ti preoccupare se fai un po' tardi, ti aspetto lì..."

sfoglia     giugno       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

si dice

Indice ultime cose
Il mio profilo













 

 





di mio:

[foto]
[disegni]
[libri]
[quello che non ci stava]

 

 
 
 

 

 

cerca